Chi opera nel settore delle TLC o ricopre il ruolo di responsabile IT avrà sicuramente sentito parlare della tecnologia SD-WAN e del fatto che, stando all’opinione di molti, è destinata a rivoluzionare il mondo delle telecomunicazioni.

Se, però, non ti occupi di sistemi informatici o sei distante dal mondo delle telco, allora lascia che ti spieghi perché anche io considero il sistema SD-Wan assolutamente straordinario.

Cos’è e come funziona la SD-WAN

L’acronimo SD-WAN nasce dall’unione di due espressioni: “Software-Defined Networking” (SD) e “Wide Area Network” (WAN), il cui significato è facilmente reperibile su Wikipedia.

Senza entrare troppo nel dettaglio, ti sia utile sapere che una rete WAN dotata di tecnologia SD-WAN si distingue da una tradizionale Wide Area Network per il fatto che l’attività di gestione e controllo del traffico dati non è affidata ai classici dispositivi hardware (router, switch, etc.), ma a un software, il quale è comunemente definito “controller”.

I vantaggi dati da questa configurazione sono ovvi: non essendo più vincolate alla presenza di apparati di rete, le aziende che utilizzano il sistema SD-WAN godono di una maggiore flessibilità e semplicità di gestione, nonché di un significativo risparmio economico.

Perché SD-WAN serve alle aziende?

Se è vero che non tutte le aziende possono permettersi soluzioni di connettività complesse, lo è altrettanto il fatto di poter contare su un’architettura funzionale e un collegamento a Internet performante sono alla base del principio di competitività, specie in un mercato che diventa ogni giorno più globale.

Grazie alla tecnologia SD-WAN, le imprese hanno la possibilità di incontrare i propri clienti, fornitori e collaboratori in modo virtuale. Cosa che, oltre a liberare dal peso delle solite spese di trasferta, agevola coloro che hanno difficoltà a raggiungere i luoghi d’incontro.

Inoltre, il sistema SD-WAN permette di utilizzare le proprie applicazioni mission-critical in totale sicurezza e razionalizzando le spese, così da ottenere il miglior rapporto tra costo del servizio e larghezza di banda.

Perché SD-WAN dovrebbe interessare gli IT manager?

Sono ormai lontani i tempi in cui i membri dei team IT erano costretti a lavorare nei sottoscala o nelle cantine degli edifici.

Oggi quella dell’IT Manager è una figura di primaria importanza, tanto che snellire e semplificare il lavoro di chi occupa questa delicata posizione è quasi un dovere.

Mansioni come l’ottimizzazione della banda Internet e la gestione delle VPN tolgono tempo prezioso agli IT Manager. Tempo che, grazie all’impiego del sistema SD-WAN, può essere recuperato e investito in attività decisamente più produttive.

Quali operazioni svolge il sistema SD-WAN?

Ora che abbiamo visto quali sono i vantaggi dovuti all’adozione della tecnologia SD-WAN, andiamo a vedere quali sono le attività di cui si fa carico.

Accorpamento delle connessioni Internet disponibili

Se andassimo a verificare come sono distribuite le infrastrutture tecnologiche sul territorio italiano, ci accorgeremmo che il nostro è un Paese estremamente disomogeneo.

Se da un lato, infatti, ci sono zone della nostra penisola che possono contare su collegamenti Internet di qualità, dall’altro ce ne sono altrettante – le cosiddette “aree a fallimento di mercato” – in cui processo il di digitalizzazione va terribilmente a rilento.

Pensando a queste ultime, è importante sapere che il sistema SD-WAN permette di sommare tra loro collegamenti a Internet di natura e marca diversa (fibra, wireless, rame, etc.), così da ottenere un unico flusso di trasmissione la cui ampiezza di banda può essere ridistribuita tra le varie applicazioni e i diversi servizi.

Ottimizzazione della banda Internet

Una volta installato sulla propria rete, il Box SD-WAN, vero “cuore pulsante” dell’intero sistema, può essere controllato da remoto e programmato secondo le proprie esigenze.

A differenza di un comune sistema QoS (Quality of Service), in cui le risorse vengono allocate staticamente e senza che sia più possibile liberarle, SD-WAN riserva a ogni applicazione e servizio solo la quantità di banda necessaria, per poi renderla nuovamente disponibile.

Continuità del servizio

A differenza del comune protocollo HSRP di Cisco, il quale prevede che la linea di backup di una rete si attivi solo se la principale smette di funzionare, il sistema SD-WAN permette di sfruttare contemporaneamente tutte le linee dati disponibili, principali e non.

Gestione delle sedi periferiche

Quando si ha la necessità di interconnettere le sedi periferiche di un’azienda, le strade percorribili sono soltanto due: creare il classico collegamento VPN (Virtual Private Network) o affidarsi al più moderno MPLS (Multiprotocol Label Switching).

Nel primo caso, il limite è rappresentato dalla complessità di collegare o scollegare una o più sedi dal circuito di rete. Nel secondo, invece, è il costo a rappresentare un serio problema.

SD-WAN si sostituisce a VPN e MPLS. È sufficiente, infatti, installare una Box SD-WAN in ogni sede. Dopodiché si occuperà il “software di bordo” a configurare e gestire tutto.

SD-WAN in sintesi

Volendo riassumere quanto visto fino adesso, possiamo dire che il sistema SD-WAN:

    • È in grado di unire due o più connessioni di natura e marca differente
    • Può sostituire (o integrare) i collegamenti VPN e MPLS, facilitando la configurazione e la gestione della propria rete aziendale
    • Configura dinamicamente i percorsi con l’obiettivo di ottimizzare le risorse e privilegiare le applicazioni e i servizi necessari all’azienda
    • Monitora ogni connessione e le relative prestazioni

Concludendo, se è vero che ognuna di queste attività può essere svolta dai tradizionali apparati di rete, è altrettanto vero che questi sono solitamente molto costosi e che gestirli richiede l’intervento di personale con particolari conoscenze tecniche.

Questo con il sistema SD-WAN non è più necessario. Ecco perché anche io, così come altri operatori del settore, considero quella di SD-WAN una vera e propria rivoluzione.

Massimiliano De Gabriele